lunedì 29 luglio 2013

Apparire o essere?

Apparire o essere? Musulmana attenzione alla forma o cristiana indulgenza nel giudicare la sostanza? Io sono per un compromesso tra le due, ma se dovessi scegliere non avrei dubbi. Andrei sul difficile, cercherei di "entrare" nella confezione, anche brutta e sgualcita, in cerca della perla che spesso non trovi, per miopia, per superficialità, per un endemico senso di conformismo e pigrizia che attanaglia la mente.
Perché ho questo spiccato desiderio di mettermi sempre nel fiume  tentando di andare controcorrente? Perché guardo sempre verso monte, mai a valle, dove anche lì ci sono bellissimi fiori da cogliere. Io scelgo sempre quello più scomodo, sarò forse un cretino?