giovedì 15 marzo 2012

Mi piaccio (Poesia satirica)

Mi piaccio

Confesso,
quando sono allo specchio
Narciso dilaga
e se scelta s’impone 
scelgo me, giammai te.

Una cosa è assodata, mi piaccio
e non è un capriccio.
Quel che sono non conta
l’importante è piacere.
macché dico?
l’importante è il piacere!

Tutto il mondo lo grida,
La tv e poi la radio
Lei sciorina la tetta 
persino allo stadio.
C’è qualcuno che dice:
che c’è il libero web
ma anche lì poi mi sembra
che la musa non cambia.

Ma, un momento, ed i brutti? accidenti!
E le vecchie con i seni cadenti?
E i signori con la testa pelata?
E le donne con la barba arricciata?
ed i nani e gli storpi?
ed i bassi ed i grassi?
l’universo sudato dei diseredati?

Per fortuna ogni tanto
il cervello s’accende
torno indietro
e allo specchio 
un pensiero mi prende
ed allora mi chiedo:
“Ma tu
da che parte vuoi stare?”